Le Veglie Di Giovanni

MAREMMA Storie davanti al caminetto
 
 
epubli (Verlag)
  • 2. Auflage
  • |
  • erschienen am 15. April 2020
  • |
  • 100 Seiten
 
E-Book | ePUB ohne DRM | Systemvoraussetzungen
978-3-7529-4099-2 (ISBN)
 
La MAREMMA è il territorio confinante con il Mar Tirreno compreso tra Pisa e Grosseto.
Prima della bonifica era una palude inospitale dove l'aria cattiva, (la malaria) aggravava o rendeva difficile o persino impossibile la vita delle persone.
Una canzone popolare "Maremma amara" maledice questa zona, che oggi è conosciuta come regione fertile e amata dai turisti.
Per me non è una "Maremma maledetta" come dice la canzone, ma una "Maremma benedetta", nella quale vivo e lavoro da molti anni. In questa - oserei quasi dire - "paradisiaca" regione sono ambientate le seguenti storie ed è qui che agiscono i miei personaggi.
Persone come me e come te, con tutti i rispettivi pregi e difetti.
2. Auflage
  • 4,02 MB
978-3-7529-4099-2 (9783752940992)
Geboren 1938 in Lindau ZH (Schweiz) Aufgewachsen in ärmlichen Verhältnissen. Schulbildung: Volksschule, dann Mittelschule bis zum Verweis von der Schule. Heirat mit Augustine Schneider. In verschiedenen Berufen tätig (Baugewerbe, Malerei, Gartenbau u.a.) Reisen im Nachkriegseuropa (GB, F, D) Reisen im Mittelmeerraum. Ausbildung zum Lehrer. Als Entwicklungshelfer (mit Familie) in Tunesien und Kongo. Lehrer und Familienvater in der Schweiz in Wald ZH. Ausgedehnte Reisen in Nordafrika. Umzug nach Italien (Toscana) und Aufbau einer kleinen Landwirtschaft. Der Hauptteil des künstlerischen Werkes entsteht (arte powern und informelle Malerei) Ausstellungen in verschiedenen Ländern. Schriftstellerische Tätigkeit. Mit 80 Jahren entstehen die "Lebensgeschichten" (5 Bände).

Funghi


Nell'estate di San Martino non erano soltanto le vecchiette a godersi il tepore degli ultimi raggi di sole, i vecchietti se ne stavano seduti sul muretto nell' angolo di Piazza Garibaldi. Stanchi, scontrosi e apatici, si lasciavano riscaldare dai deboli raggi autunnali. Tutti i santi giorni si accovacciavano lì, ingobbiti, muti e introversi, aspettando il prossimo pasto, nella speranza che succedesse qualcosa mentre erano seduti là o forse nemmeno questo. Stavano là per non essere soli, per il bisogno di compagnia, un ottimo rimedio contro i brutti pensieri.

Parlavano poco, la voglia di parlare apparteneva al passato, ai tempi in cui ancora si veniva ascoltati o si doveva essere ascoltati per forza, una volta, quand' era ancora "il loro tempo".

Si doveva uscire di scena, fare posto ai giovani, ricevere la pensione, e da quel momento era permesso loro di stare seduti per giorni interi sul muretto. Ed è proprio lì che le loro conversazioni morivano poco a poco. Difficilmente valeva la pena di parlare di un evento, o dei loro innumerevoli acciacchi, delle malattie che gli soffiavano sul collo, o delle chiacchiere di paese o persino della nuova crisi del governo.

No, non ne valeva proprio la pena.

Forse soltanto quando una delle bellezze del paese passava, pavoneggiandosi e sculettando in modo seducente nei suoi jeans troppo stretti, poteva succedere che un brillo di luce guizzasse negli occhi torbidi, qualcuno si leccava le labbra scarne e un altro sospirava profondamente. Per la frazione di un secondo i loro cuori battevano più forte, ma era un attimo, era già passato. Bisognava pure usare riguardo al proprio cuore.

Eh sì, una volta, nei tempi passati, erano ancora dei tipi in gamba, ma adesso tutto è superato. Persino il rassicurante passato si era offuscato a forza di raccontare tante volte le stesse storie, ormai sbiadite e amuffite.

Si taceva, sognando grigia nebbia, aspettando, aspettando il nulla, non aspettando più niente.

Alberto, il minatore disoccupato, scendeva la strada con un cesto sotto le braccia. I vecchi alzavano le loro teste e scrutavano il giovanotto in modo critico.

"Sei stato nel castagneto?" chiedeva il vecchio Boni incuriosito.

"Bah, le castagne, non vale nemmeno la pena a chinarsi" ridacchiava il giovane.

Nonno Rossi annusava l'aria e tutto d'un tratto si agitava: "ha dei funghi, ragazzi, profuma maledettamente di funghi, vero?"

Come fulminati tutti scattavano, urlando: "funghi! Facci vedere!" l

Ciò di cui non era stata capace di fare la politica nè le gambe delle ragazze, riusciva a fare questa parola magica, colpendoli nel profondo del loro animo.

Carichi di vitalità giovanile e più veloci di quanto avrebbe loro permesso l'artrosi, scattavano in piedi e si radunavano intorno al giovane - o meglio - al cesto di funghi, annusando con narici tremanti il loro profumo aspro che sembrava diffondersi in tutta la piazza.

Veramente! funghi veri! Funghi teneri e belli, nascosti sotto un panno, una cesta intera, piena di funghi!

Il vecchio Sandro ne afferrò uno con le dita affusolate, annusandolo e ispezionandolo con occhio esperto:

"Io direi che questo è un trycholoma equestre, in fondo un fungo senza valore, non velenoso, ma proprio inutile e duro come il cuoio."

"Non dire così", ribatteva Dino, "non mi ricordo il nome, ma conosco benissimo il suo sapore, è eccellente, delizioso, ve lo dico io."

"Stupidaggini", lo interrompeva il vecchio Bianchi, "lo conosco bene questo fungo, è una russula grigia, sono sicuro al cento per cento. É assolutamente immangiabile, è un vero fungo da vomito, lo garantisco io, un fungo da vomitare di prima qualità, che ti fa rovesciare le budelle, potrai vedere in faccia l'interiore delle tue interiora. L'anno scorso mio genero ne aveva uno nella pietanza, soltanto uno, e vi dico che hanno vomitato alla grande, tutta la famiglia sarebbe quasi morta. E poi si sentivano male ancora per settimane!"

"Eh, bastava che si guardassero a vicenda, per sentirsi male," ribatteva cinicamente Dino, "E se quello conosce i funghi altrettanto bene come te, presto dovrà crepare per intossicazione, te lo dico io."

Per sdrammatizzare la situazione incadenscente ed evitare il litigio, l'ex-sindaco esortava in modo deciso: "Fatemi vedere!"

Dopo un esame critico e breve, sentenziava che si trattasse di un hygrophorus eburneus. I dubbiosi mormorii venivano soffocati con il suo sguardo autoritario che - grazie alla sua carica - padroneggiava in modo eccellente e che già allora riusciva a zittire ogni consigliere comunale brontolone.

Una volta, tempi passati, tempi andati. 

Ma adesso persino Tommasino, l'ex-bracciante giornaliero, osava dire la sua:" Si chiamerà come vuole, ma io non mangerai mai un fungo verdognolo, mai e poi mai, perchè il verde non promette nulla di buono."

L'ex-sindaco faceva finta di non aver sentito questa obiezione piuttosto naif, per di più fatta da un rappresentante del basso ceto sociale, col quale non si era mai identificato, neanche quando era un sindaco "rosso".

Rivolto verso Alberto dichiarava:" Caro Alberto, ti dico che da questo fungo puoi aspettarti un piacere culinario di prima classe. Questo fungo, preparato in modo adeguato, con una salsa alla panna è il piacere "top" della tavola. La buona carne si scioglierà sulla lingua, più delicata e gustosa di un agnello appena nato. Annaffiato con un bicchierino di Malvasia bianca, ti posso garantire che persino gli antichi romani ti guarderanno di lassù con invidia."

Poi si intrometteva Filippi, un vecchio ed esperto raccoglitore di funghi, brontolando:

"Ma si è mai sentita una cosa simile? Vino bianco con i funghi? L'alcool, unito a certi funghi, può risultare mortale, ma con questo fungo non importa, perchè, secondo me, è il fungo più mortale che esiste in natura, è una amanita phalloide."

Presi dallo spavento, tutti indietreggiavano di un passo.

Ma l'autorità dismessa rimaneva fermo nel suo giudizio. "Hygrophorus eburneus, Filippi o non Filippi, e inoltre questo fungo senza vino sarebbe come la vita senza amore. E questo dovrebbe essere un'amanita phalloide? Ridicolo!"

Filippi, tutto agitato, gracchiava:" latino o non latino, se mangerai questo fungo cadrai subito dalla sedia, morto."

Ma la battuta non veniva approvata perchè tutti sapevano che la morte sopraggiunge solo ore dopo, quando non c'è più niente da fare contro il veleno.

"La settimana scorsa, esattamente a causa di questo fungo, a Bologna sono morte dodici persone," smorzava Filippi il tono del suo avvertimento.

"Bolognesi", sentenziava il vecchio sindaco, "Eh, i bolognesi, cosa vuoi che capiscano di funghi, passano i boschi al setaccio e mangiano tutto ciò che sembra un fungo. Tipico, dodici in una volta, una cosa che può succedere solo a loro."

"Succederà anche a te." diceva Filippi ad un Alberto perplesso.

"Niente panico," li tranquillizzava l'ex-sindaco, "questo fungo è commestibile, se non lo fosse, mi mangerai una scopa!"

"Mangi piuttosto questi funghi!" ribatteva arrabbiato l'altro, girando la schiena alla compagnia.

Intanto i vecchietti chiacchieroni avevano disorientato Alberto che voleva finalmente una garanzia sulla commestibilità di questo fungo.

"Nessuno ti può garantire niente su questa terra", diceva sorridendo il vecchio politico, "Si può soltanto accertare, secondo il sapere e la coscienza. Si può sostenere una tesi che - ovviamente - resta da verificare. La micologia è una scienza ampia e noi profani ne sappiamo ben poco. Io so, per esempio, che questo fungo è commestibile e che viene mangiato senza morirne. In Francia, nel paese dove si mangia quasi altrettanto bene come da noi, questo fungo gode di ottima reputazione, subito dopo il tartufo, il che vuol dire molto. Scambiarlo per un'amanita phalloide, a giudizio umano, è poco probabile, ma c'è da considerare il detto dei romani - errare humanum est - e poi bisogna prendere in considerazione il fatto che i funghi possono cambiare il loro aspetto secondo la loro ubicazione, il terreno o condizioni climatiche."

Sogghignando uno dei più vecchi rispondeva:" Giusto, giusto. É come cambiare il colore della casacca di certi concittadini e compagni. Anche loro, secondo l'ubicazione e la direzione del vento della politica cambiano colore. Anch'io potrei raccontarvi di certi cambi... dal nero al giallo, al verde-veleno fino al rosso più bello e sgargiante, e poi sono diventati persino sindaco."

"A chi ti riferisci?" chiedeva l'interlocutore, rosso in viso.

"A nessuno in particolare, stiamo solo parlando di funghi velenosi" sogghignava lo sdentato vegliardo.

Uscita di scena della "lesa maestà".

Le opinioni sulla commestibilità dei funghi di Alberto si differenziavano sempre di più, come di consueto nelle conferenze degli specialisti. Ma poi il gruppo si scioglieva in fretta, ognuno si affrettava per tornare a casa, prendere un cesto e correre nel castagneto il più velocemente possibile, ma... gambe, cuore e polmoni permettendo.

Nonostante avesse raccolto e mangiato ogni anno questo fungo, Alberto si sentiva disorientato dopo il dibattito di piazza. Ed è per questo che chiedeva consiglio a suo vicino Giacomo, un esperto conoscitore di funghi. La prudenza non è mai troppa.

Un tricoloma autentico così sentenziava con occhio esperto, con una risata sprezzante per le chiacchiere degli anziani in piazza.

Ma per essere veramente sicuro, Alberto invitava il...

Dateiformat: EPUB
Kopierschutz: ohne DRM (Digital Rights Management)

Systemvoraussetzungen:

Computer (Windows; MacOS X; Linux): Verwenden Sie eine Lese-Software, die das Dateiformat EPUB verarbeiten kann: z.B. Adobe Digital Editions oder FBReader - beide kostenlos (siehe E-Book Hilfe).

Tablet/Smartphone (Android; iOS): Installieren Sie bereits vor dem Download die kostenlose App Adobe Digital Editions (siehe E-Book Hilfe).

E-Book-Reader: Bookeen, Kobo, Pocketbook, Sony, Tolino u.v.a.m. (nicht Kindle)

Das Dateiformat EPUB ist sehr gut für Romane und Sachbücher geeignet - also für "glatten" Text ohne komplexes Layout. Bei E-Readern oder Smartphones passt sich der Zeilen- und Seitenumbruch automatisch den kleinen Displays an. Ein Kopierschutz bzw. Digital Rights Management wird bei diesem E-Book nicht eingesetzt.

Weitere Informationen finden Sie in unserer E-Book Hilfe.


Download (sofort verfügbar)

5,99 €
inkl. 7% MwSt.
Download / Einzel-Lizenz
ePUB ohne DRM
siehe Systemvoraussetzungen
E-Book bestellen