Perché mi fido di Cristo

Essere cristiani nella società della conoscenza
 
 
Edizioni Accademiche Italiane (Verlag)
  • erschienen am 28. Februar 2020
 
  • Buch
  • |
  • Softcover
  • |
  • 272 Seiten
978-620-0-55400-0 (ISBN)
 
Per anni mi sono posto la domanda: perché tante persone della mia generazione hanno tacitamente abbandonato la loro fede cristiana? Mi rendo conto che non esiste una risposta semplice a questa domanda. A mio parere, la perdita della fede è una questione di percezione personale della realtà. Nessun essere umano vive di conoscenza, perché ogni conoscenza richiede fiducia e fede. A causa di una percezione unilaterale della realtà orientata alla conoscenza, le persone non possono più percepire la dimensione religiosa nella loro vita. Vorrei dimostrare che la fede, la speranza e l'amore sono presupposti indispensabili per plasmare la vita. L'uomo vive perché può costruire relazioni consapevoli, reali ed esistenziali con se stesso, con l'ambiente e con Dio. Questo è il modo di vivere dei credenti che vogliono percorrere la via di Cristo. Questa fede interpreta razionalmente la mia esistenza in questa realtà incomprensibile. L'uomo vive per trovare Dio, che è amore. Questo libro è stato tradotto con Intelligenza Artificiale.
  • Höhe: 220 mm
  • |
  • Breite: 150 mm
  • |
  • Dicke: 16 mm
  • 423 gr
978-620-0-55400-0 (9786200554000)
Nato l'11.4. 1940 a Dietikon. Maturazione a Svitto 1960. Studi a Coira, Gerusalemme, Roma. Licenza presso il Biblico, dottorato San Anselmo, Roma. Teologo laico nella parrocchia di Zurigo-Oerlikon, segretario dei corsi di teologia (TKL), insegnante presso la Scuola cantonale di religione e storia di Zugo.

Sofort lieferbar

82,90 €
inkl. 7% MwSt.
in den Warenkorb